Sulla consapevolezza nel tennis e sulla voglia di vincere.

© Jesse Kuhn / Rawtoastdesign


La consapevolezza nel tennis è fondamentale.

Consapevolezza, durante la partita, di quello che fai, di quello che sta facendo il tuo avversario e di cosa sta succedendo in campo.
Dopo aver letto Winning Ugly di Brad Gilbert (ex top ten e allenatore di Agassi e Murray) mi sono convinto ancora di più che risiede proprio nella consapevolezza la chiave della vittoria.
Il mio percorso per comprendere tutto questo è cominciato un anno fa (nel 2017), quando il mio tennis ha incrociato un nuovo circolo (Tennis Le Querce) dove ho trovato persone sensibili con uno spirito e un approccio per me nuovi, che hanno riacceso il vero motore che c'è in me, quello del gusto della competizione e del gusto di giocare per vincere. Perché, ammettiamolo, quest'ipocrisia che "è bello partecipare" serve solo a spuntare le ambizioni di chi si approccia al gioco. Badate però che voler vincere non significa non saper accettare la sconfitta, bensì saperla includere nel percorso di continuo miglioramento teso a raggiungere la perfezione, che è l'unico limite da porsi (sul tema del limite ho già scritto qui).
Ora, attraverso la consapevolezza, l'allenamento e il dialogo coi miei nuovi mentori e maestri, so che partendo dai miei mezzi potrò migliorare per sempre il mio tennis. Perché, come diceva Lacoste, il piacere del tennis dura tutta la vita.

I più letti nell'ultimo mese

La solitudine e il fascino dei campi abbandonati.

Il maggiore Wingfield e tutto quello che ci manca davvero del gioco più bello del mondo.

L’importante è dare sempre il massimo e accettare poi quello che succede. Parola di Federica Bonsignori.

Thirty30 Tennis - Un sistema di punteggio alternativo.

Thomas Emmrich, il campione al di là del muro.

Un esercizio per aumentare l'efficacia della fase di attacco.

L'impossibile ripetersi del tempo che ci regala la nostalgia dei luoghi.

5 punti fondamentali della filosofia del tennis quotidiano.

Il tennis fra le righe