Belle of Lincoln - Straight Whiskey from Lynchburg Tennesse

Belle-of-Lincoln

È il 9 maggio 1989 quando l'impiegato delle poste di Lynchburg, Tennessee, imprime il timbro postale sui quattro francobolli di una busta destinata a Ernesto Milani a Gallarate, Varese. Qualche giorno dopo la busta arriva a destinazione. In Italia è primavera inoltrata, è l'anno dell'Inter dei record, quella di Aldo Serena capocannoniere grazie ai cross dell'ultimo vero terzino sinistro nerazzurro, Andreas Brehme.

All'epoca il figlio di Ernesto non aveva ancora compiuto 9 anni, ma già era incuriosito da quel padre collezionista di tracce di passato, storico dell'emigrazione e ricercatore per passione. Già da qualche mese aveva coinvolto il figlio a collezionare etichette di bottiglie. Ogni collezione, a suo modo, è curiosa. Ma fin da piccolo il figlio aveva capito che collezionare significa andare in cerca delle storie di persone, aziende o nazioni legate agli oggetti raccolti. Del resto gli oggetti non sono altro che una componente di una narrazione in cui sono messi in relazione a protagonisti e antagonisti. Quindi un collezionista è affascinato da chi ha posseduto prima di lui l'oggetto collezionato piuttosto che dal valore intrinseco dell'oggetto in sé.
Ma lasciamo da parte le mie considerazioni sul collezionismo e torniamo a quella busta in arrivo da Lynchburg e facciamo un salto ai giorni d'oggi. Quasi 30 anni dopo il bambino ormai cresciuto ritrova quella busta. Il padre in quel maggio dell'89 l'aveva affidata a lui e aveva condiviso con lui quella corrispondenza con le distillerie Jack Daniel. Aveva infatti scritto chiedendo di poter ricevere delle etichette storiche del famoso whiskey americano. Stiamo parlando del 1989. Oggi basterebbero pochi click su Google per ottenere un indirizzo a cui inoltrare questo tipo di richiesta. 

Il bambino aveva capito che quella busta e il suo contenuto erano piuttosto speciali. A partire dall'etichetta dell'indirizzo, con una cornice dorata e un'illustazione della leggendaria bottiglia di Jack Daniel. Il bambino cresciuto dunque ritrova quella busta perché l'ha sempre conservata insieme alle sue collezioni. È arrivata intatta in ogni sua parte e conserva al suo interno le repliche di etichette storiche e una lettera di accompagnamento, sorprendentemente scritta in italiano, in cui il vice presidente Robert E. Sabel spiegava che tra gli esempi inviati c'era anche quello del prodotto "Belle of Lincoln", una miscela speciale dedicata alle ammiratrici del Sig. Daniel noto per essere un uomo fuori dal comune e che piaceva molto alle donne. La lettera è scritta a macchina su una carta pregiata e con un'intestazione illustrata che riporta un ritratto del Sig. Daniel, un disegno della storica distilleria e due stampe dorate e in rilievo di alcuni riconoscimenti ricevuti durante gli anni dalla distilleria. Solo la carta vale il ritrovamento. E poi ecco la Belle of Lincoln del 1906 insieme ad altre repliche del nr. 7. 

Mio papà ha suggerito di scrivere questa storia e ho voluto farlo subito, per aggiungere un pezzo al valore della replica dell'etichetta del Belle of Lincoln. Ecco che ora da semplice replica si è trasformata in un oggetto con una relazione tra varie persone: Mr Sabel, Ernesto, suo figlio e chi in futuro mostrerà la stessa curiosità per una busta da Lynchburg, Tennessee.